Notizie sulle procedure


11/12/2008
Nuove tecnologie nel nostro laboratorio

1.    Angiografia arteriosa con CO2:
questa tecnica di recente perfezionata è utile per la diagnosi arteriografica nei pazienti affetti da insufficienza renale grave ed arteriopatia obliterante iliaco-femorale o altra patologia vascolare al di sotto del diaframma.       
La CO2 come supporto diagnostico delle procedure interventistiche renali, iliache e per l’impianto di endoprotesi aortiche addominali riduce di almeno il 50% la necessità di somministrazione di mezzi di contrasto organo-iodati con indubbio vantaggio per la funzione renale.    


2.    Aneurismi dell’aorta addominale:
Stabilizzazione delle sacche aneurismatiche post-EVAR     
La comparsa di endoleaks nel post-intervento di endoprotesi è fattore penalizzante la metodica non solo per la necessità di re-interventi ma per la obbligatorietà oggi, di controlli (angio TAC, angio RM, EKO) da ripetersi nel tempo. Cosa questa che comporta un danno biologico potenziale (TAC) e un impatto psicologico negativo sui pazienti. La contemporanea applicazione di colla di fibrina e coils metallici in corso di endoprotesi riesce a “compattare” la coccia aneurismatica abbattendo la comparsa di endoleaks e quindi riducendo drasticamente la necessità e frequenza dei controlli successivi.        


3.    Interventi ibridi per il trattamento degli aneurismi dell’aorta toraco-addominale   
La patologia aneurismatica dell’aorta toracica può essere trattata con successo con endoprotesi  nelle localizzazioni distali all’origine della a. succlavia sinistra. Per le forme che colpiscono l’arco e coinvolgono i vasi sopraortici, una alternativa terapeutica più agevole e con più basso rischio, specie nei soggetti portatori di varie comorbidità e negli anziani-anziani ( > 75aa ) è quella di un intervento ibrido in due tempi: 1° stereotomia mediana, de-branching totale dei vasi sopraortici con innesto di condotto protesico dell’Ao ascendente ed un “wrapping” in gore-tex dell’arco aortico; il tutto seguito a 2-4 settimane dall’impianto di un graft aortico che può escludere la patologia fino al tripode celiaco.    


4.    Terapia con cellule staminali nelle arteriopatie vascolari periferiche in IV stadio  di Fontaine       
Questa patologia, appannaggio del paziente diabetico, porta a lesioni trofiche degli arti inferiori e del piede con necrosi ed ulcere che in una sensibile percentuale  di casi esita in amputazione parcellare o totale.    
La iniezione di cellule staminali autologhe si è dimostrata efficace nel migliorare la tolleranza dell’ischemia distrettuale con benefici risvolti per la guarigione/miglioramento delle lesioni trofiche.  


5.    Virtual histology nel trattamento della patologia carotidea
La recente acquisizione di strumenti diagnostici adeguati (Volcano) e di sonde dedicate, hanno reso possibile la documentazione in vivo della composizione di placca carotidea, quindi tipizzazione della stessa (vulnerabile, stabile, estesa, etc) che dà importanti informazioni per la indicazione al trattamento e per la scelta della migliore strategia interventistica. Protezione cerebrale con fltro o con arresto di flusso (Moma).


6.    Decoartazione Aortica       
Eseguita senza anestesia generale, per via percutanea. Applicazione di stent ricoperto CPS.  


7.    Sostituzione valvolare aortica percutanea (TAVI) 
La sostituzione valvolare aortica nell’anziano con importante comorbidità può comportare un notevole rischio per la chirurgia aperta tradizionale. Alcuni di questi pazienti sono per questo dichiarati inoperabili ( Euroscore > 20). 
Per questi è stata sviluppata una endoprotesi impiantabile per via percutanea. E’ necessario un dettagliato studio Ekografico ed arteriografico (accessi vascolari) per accettare la indicazione a questa procedura che è divenuta routine.


24/08/2007
Angioplastica primaria nell'infarto miocardico

Ho eseguito una angioplastica primaria per infarto miocardico acuto in donna di 98 anni con pieno successo. La tempestività del 118 nel trasmettere la paziente al nostro ospedale è stata determinante ai fini del successo terapeutico. Tutti i nostri Centri sono in grado di effettuare una procedura entro 30' dalla chiamata da effettuarsi direttamente al medico di riferimento della Emodinamica.
Il Policlinico di Monza è centro HUB del 118 per il trattamento del IMA.


copyright 2007 Engitel SpA - all rights reserved - Credits